Settembre 22, 2020

È trascorso un mese esatto dall'intervento di Bowie al gomito e alla zampa destra. Ho voluto risparmiarvi i dettagli, ma vi assicuro che non è stata una passeggiata... Sotto tutti i punti di vista.
Come tutte le volte che affronto qualcosa di doloroso ho preferito concentrarmi solo sul mio obiettivo: curare Bowie nel miglior modo possibile e dedicarmi solo a lui.
Ho potuto farlo, e continuo tutt'ora, grazie all'aiuto e all'appoggio della mia famiglia, a cui ho dovuto sottrarre per forza attenzioni e tempo prezioso. La ripresa di Bowie è costante. I controlli veterinari continuano ad essere serrati, ogni settimana ripetiamo le radiografie per accertarci che tutto proceda al meglio.
Abbiamo ridotto i farmaci e con cautela affrontiamo le prime uscite, rigorosamente al guinzaglio corto. Ho anche ripreso a dormire nel mio letto da qualche giorno.
Resta da stabilire come e quando intervenire sulla zampa sinistra, ma a questo penseremo quando verrà il momento. Adesso vogliamo goderci questo primo step. Per me ogni giorno che si chiude senza nuovi problemi è una vittoria.
Resta l'amarezza per tutto il dolore che Bowie ha dovuto sopportare. Ingiustamente.
Resta il fatto che, nonostante tutto ciò che è stato fatto per evitare che la displasia sfociasse in disabilità permanente, comunque Bowie andrà incontro a dolore che richiederà il continuo uso di medicinali. Dovrà essere costantemente monitorato.
E possiamo dimenticarci le lunghissime corse all'aria aperta. Dovrà essere tutto commisurato alla sua condizione.
E noi faremo del nostro meglio per non viverla come un limite.
Ora... alla luce di ciò che è stato e che ancora sarà, parafrasando il titolo di una nota canzone, mi viene una gran voglia di urlare: NON CI AVETE FATTO NIENTE!!!
E se non aggiungo nomi è solo perché, obiettivamente, non saprei a chi attribuire la provenienza della patologia di Bowie.
La genetica non è matematica.
Se non ho dichiarato guerra a nessuno è solo perché risalire ai veri responsabili è pressoché impossibile.
Non voglio che questo post venga strumentalizzato o usato per polemiche inutili.
Anche se le cose dovevano andare diversamente i veri vincitori saremo noi!

 

La foto ci è stata donata da Sonia

Per leggere le altre puntate della serie "Vivere con un cucciolo di dobermann", clicca qui

La nostra avventura, la nostra vita con Bowie ha subito un brusco cambiamento. Quelli trascorsi sono stati per noi giorni difficilissimi. E purtroppo che ne aspettano molti altri.

Mettetevi comodi perchè quello che sto per raccontarvi non è piacevole.

Quando si decide di accogliere un cane nella propria vita è necessario mettere in conto anche una buona dose di sofferenza. E' fondamentale farsi delle domande, ma soprattutto chiedersi: "Sarò in grado di affrontare eventuali problemi riguardanti la sua salute? Sono disposto/a a fare sacrifici, anche notevoli, per lui?"

Ma ciò che più conta è che siate sinceri con voi stessi.

Se la risposta è:"Assolutamente si!" molto bene, se la risposta è: "Non lo so" oppure "non ne sono sicuro" allora, vi prego, non prendete un cane!

Tre settimane fa, abbiamo scoperto che il nostro cucciolo ha una grave forma di displasia su entrambi i gomiti. La notizia è stata per noi un fulmine a ciel sereno. Per garantire a Bowie una vita normale, per evitare che vada incontro a problemi molto seri, come zoppie e dolori invalidanti, l'intervento chirurgico è indispensabile. Su entrambe le zampe.

L'intervento è delicato e va eseguito da professionisti validi, L'intervento prevede costi onerosi. Il buon esito dell'intervento deve essere seguito da una convalescenza lunghissima e sotto stretta sorveglianza.

Avevamo, come da regolamento di compravendita, una scelta: rispedire il cucciolo al mittente e chiamarci fuori dal problema. Sarebbe stato un nostro diritto. Nessuno avrebbe potuto biasimarci. A meno di due mesi dalla perdita devastante della nostra amatissima Daga, un'altra pesantissima sofferenza si preannunciava ai nostri occhi. E soprattutto al nostro cuore ancora così ferito.

Non abbiamo neanche per un momento pensato di rinunciare a Bowie.

Lui è il nostro cucciolo. Tutto ciò che lo riguarda, nel bene e nel male, è una nostra precisa responsabilità. E' offensivo per la sua, ma soprattutto per la nostra dignità, pensarlo come un oggetto difettoso che può tranquillamente essere sostituito con un soggetto integro. Se solo ci fosse passato per la mente di chiedere una sostituzione avremmo fallito sia come persone, che come genitori. Avremmo trasmesso a nostro figlio il messaggio che gli esseri viventi non hanno alcun valore e non meritano rispetto se portatori di un "difetto".

Se solo mi fosse passata per la mente una simile malvagità avrei meritato che mio figlio mi ripudiasse all'istante come madre.

Bowie è stato sottoposto al primo intervento il 26 febbraio. E' rimasto sotto i ferri per oltre 3 ore.

Bowie ha sofferto moltissimo, e noi con lui.

 

La foto ci è stata donata da Sonia

Per leggere le altre puntate della serie "Vivere con un cucciolo di dobermann", clicca qui

© 2018 IlTuoCane.it - Tutti i Diritti Riservati