Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.iltuocane.it/home/modules/mod_cookiesaccept/mod_cookiesaccept.php on line 24

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

In Italia il lupo è a rischio estinzione genetica, il problema risiede nel gran numero di cani randagi che ogni anno danno vita a degli ibridi cane-lupo.

ibridazione cane e lupoIl rischio è quello di far perdere al lupo la sua identità costituendo anche un pericolo per l'uomo di cui tenderebbe a non aver più paura. L'avvicinamento ai centri abitati, e le possibili aggressioni, potrebbero portare al bracconaggio con la conseguente estinzione dell'animale.

Negli ultimi trent'anni il numero dei lupi è aumentato, grazie alle politiche di tutela messe in atto negli anni, si è passati da circa 100 esemplari negli anni '70, ai quasi 2.000 di oggi, il problema sono i 700.000 cani randagi presenti in Italia.

Grazie ai fondi europei, il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, in Abruzzo, ha fatto partire il progetto "M.I.R.CO-Lupo" per la lotta all'ibridazione. Gli zoologi del Parco hanno raccolto gli escrementi dei lupi ed, estraendone il DNA, hanno scoperto che almeno una ventina di lupi sono ibridati con i cani.

Per risolvere la situazione hanno disposto delle trappole, non nocive per gli animali, collegate 24 ore su 24 ad un segnale radio che permette ai ricercatori di accorrere sul posto in circa 20 minuti. Dopo la cattura il lupo viene sottoposto al prelievo del DNA e resta in un recinto il tempo necessario all'Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) di Bologna per consegnare i risultati. Se il risultato certifica che l'esemplare è un lupo, viene immediatamente reinserito nel Parco, altrimenti verrà sterilizzato e munito di un radiocollare che ne monitorerà gli spostamenti prima di essere rimesso in libertà.

Tutto questo però non basta per proteggere i circa 100 lupi presenti nell'area protetta, secondo gli zoologi occorrerebbe educare ed informare gli abitanti a non lasciare liberi i propri cani per evitare gli incontri tra questi ed i lupi.

Nell'ambito del progetto M.I.R.CO-Lupo, il Parco ha concordato con enti locali e allevatori una serie di misure di prevenzione di randagismo ed ibridazione. 

I risultati che si cercheranno di ottenere sono i seguenti:

Minimizzare la probabilità di incrocio tra cani vaganti e lupo;

Fornire supporto ai proprietari di cani da lavoro per le cure veterinarie;

Sensibilizzare la popolazione sull'impatto del randagismo canino a livello socio-economico e sugli ecosistemi;

Creare una banca dati nazionale per registrare gli ibridi lupo-cane;

Si spera di poter mantenere il lupo ed il cane due animali distinti, senza alterare geneticamente nè l'uno, nè l'altro.

Fonte foto: Google

 

 

 

CERCA NEL SITO...