Luglio 23, 2019

La Federazione Cinologica Internazionale (FCI) nel corso dell’Assemblea Generale di Shanghai del 28/29 aprile u.s., ha riconosciuto in via definitiva le razze:


Le razze concorrono per l’ottenimento del Certificato di Attitudine al Campionato Internazionale di Bellezza (CACIB).

 

Fonte: ENCI.it

Steve McCurry, famoso fotografo statunitense, è in mostra presso il Centro Saint-Bénin di Aosta dal 4 maggio al 6 ottobre 2019.

La mostra, intitolata "Animals" presenterà un'antologia di sessanta immagini, selezionate dallo stesso McCurry, tra le sue più significative. Il fotografo statunitense, famoso tra l'altro per il celebre ritratto di "ragazza afgana", è uno dei fotografi dell'agenzia Magnum, vincitore di quattro Word Press Photo, che ha incentrato i suo lavoro, fin dagli anni Novanta, sulla condizione umana e sulla condizione degli animali durante e dopo famose guerre (Iran-Iraq, Golfo), il suo lavoro inizia dopo la Guerra del Golfo, quando ha inizio la più grande catastrofe ecologica di tutti i tempi. McCurry inizio fotografando le conseguenze di questo disastro ambientale sul genere animale.

Molte delle sue immagini restano emblematiche, vere e proprie icone senza tempo.

La mostra inaugurata il 3 maggio ad Aosta si articola in un percorso espositivo che lascia il visitatore ibero di muoversi tra le immagini, assecondando la propria sensibilità. Le immagini del fotografo ci invitano a riflettere che non siamo soli al mondo.

La rassegna fotografica del Centro Saint-Bénin è corredata da un catalogo bilingue italiano- francese, curato da Biba Giacchetti, con testo critico di Daria Jorioz, in vendita presso la mostra al costo di 25 euro.

Sede espositiva

Centro Saint-Bénin.

Via Festaz 27, Aosta.

Orari

Dal martedì alla domenica ore 10-13 e 14-18.

Chiuso il lunedì.

Ingresso

Intero 6 euro.

Ridotto 4 euro.

Gratuito per i minori di anni 18.

Abbonamento con la mostra Lucio Fontana. La sua ombra lunga, quelle tracce non cancellate al Museo Archeologico Regionale di Aosta dal 13 aprile al 22 settembre 2019: 10 euro intero, 6 euro ridotto.

 

Per informazioni

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Centro Saint-Bénin

Tel. 0165.272687

  

Fonte foto: Spaini&Partners

Questa è la storia di un cane, Aufman, che si trova a perdere la felicità e la libertà conosciute da cucciolo grazie ai mapuche, la Gente della Terra. Uomini cattivi lo hanno separato dal proprio compagno umano, Aukaman, un bambino che considera suo fratello. Per Aufman, vissuto con i mapuche, è odioso il comportamento degli uomini che non rispettano la natura, le sue creature e le sue regole, ma gli uomini spregevoli, quelli che lo hanno portato via dalla sua terra, per farlo vivere legato ad una catena e spesso senza acqua, nè cibo, gli hanno assegnato una missione: dare la caccia ad un fuggitivo, una persona che con il suo odore gli riporterà alla mente i giorni felici insieme al suo Aukaman. 

Dove lo porterà questa caccia all'uomo? Il finale è scritto nel nome del cane, FEDELTA', non si può tradire mai, neanche quei legami che il tempo vorrebbe spezzare. 

Questa è una favola scritta con parole dolci e concrete, parole adatte ai bambini, ma anche agli adulti che dovrebbero leggere con attenzione per capire fino in fondo gli insegnamenti che l'autore vuole condividere con i mondo di oggi. 

Luis Sepúlveda è uno scrittore, giornalista, sceneggiatore e attivista cileno. Sepúlveda ha viaggiato molto, anche al seguito degli equipaggi di Greenpace, ora vive in Spagna.

Autore di moltissimi libri, e di poesie, è diventato famoso grazie al suo primo romanzo, Il vecchio che leggeva romanzi d'amore, edito in Spagna nel 1989 ed in Italia nel 1993. Ha pubblicato moltissimi romanzi e raccolte di racconti, la più famosa Storia di una gabianella e del gatto che le insegnò a volare che nel 1998 è diventata un film d'animazione.

   

Ecco una delle citazioni che mi è piaciuta:

"Crescemmo insieme nelle brevi estati e nei lunghi inverni australi. Insieme imparammo dal vecchio Wenchulaf che la vita va accolta con gratitudine. Così, per esempio, il piccolo Aukaman ed io lo guardavamo con rispetto quando prendeva una pagnotta e, prima di tagliare le fette per Kinturray e per sé, ringraziava il Ngunemapu per quel cibo offerto dalla terra". (pp. 367-368)

A casa è arrivato un cucciolo!

Dopo l'iniziale felicità iniziano i problemi, primo tra tutti: insegnare al nuovo arrivato che i bisogni vanno fatti fuori casa, ma come fare?

Chiariamo subito che il cucciolo di cane non può fisiologicamente trattenere la pipì e la popò per troppe ore e quando arriva lo stimolo ha un'autonomia di pochi secondi prima di lasciarla ovunque si trovi. Crescendo i suoi muscoli si rafforzeranno, ma da piccolo non ci riesce, quindi inutile arrabbiarsi se troviamo i bisognini in giro per casa, soprattutto se il cucciolo è lasciato solo per ore.

La prima cosa che dobbiamo fare è, quindi, insegnargli a sporcare fuori casa, questo vuol dire che dovremo impegnarci noi nel portarlo fuori il più spesso possibile, anche ogni 2-3 ore. Dobbiamo sapere che il cucciolo avrà bisogno di fare pipì o popò anche la notte, almeno per i primi tempi, poi imparerà a trattenere tutto, ma sopratutto dopo i sonnellini, quindi la mattina appena sveglio... di corsa fuori!

COME FARE AD INSEGNARE AL CUCCIOLO A FARE I BISOGNI FUORI CASA?

Prima di tutto occorre distinguere tra chi vive in appartamento e chi in una casa con giardino poichè sarà diverso l'impegno da parte del padrone e anche la velocità di apprendimento del cane.

- Chi vive in una casa con giardino è avvantaggiato dal fatto che può, ma non sempre, aprire la porta e far uscire il cucciolo fuori a fare i bisogni. Non sempre perchè il cucciolo DEVE essere portato a passeggio durante la giornata. Quindi, dopo i pasti e dopo ogni sonnellino il cucciolo deve essere fatto uscire, appena sporcherà fuori dovremo lodarlo e premiarlo.

- Il padrone che vive in appartamento dovrà faticare di più poiché non avendo modo di far uscire il cucciolo in giardino, dovrà prenderlo e portarlo in strada. Ovviamente non è sempre possibile portarlo fuori, soprattutto se il cucciolo non ha ancora tutti i vaccini, quindi è bene insegnargli a fare i bisogni in un punto preciso della casa, così che non sporchi ovunque, per fare questo ci vengono in aiuto i tappetini igienici o i cari vecchi fogli di giornale.

Posizioniamo il tappetino o i fogli di giornale in un punto preciso della casa, facilmente raggiungibile dal cucciolo, la cui tenuta una volta arrivato lo stimolo è limitata. Appena il cane ha mangiato o si è svegliato, lo portiamo lì sopra e attendiamo che faccia il bisognino, una volta fatto, lo lodiamo. Dobbiamo ripetere questo tutte le volte che il cane ha mangiato o si è svegliato, il cucciolo apprenderà in fretta che per svuotarsi deve arrivare in quel punto esatto.

Nel caso in cui il cane decide di fare pipì o popò altrove e viene colto sul fatto, dobbiamo sgridarlo, un NO! va più che bene. NON sbattiamo il muso del cane nella pipì e NON sgridiamolo a fatto compiuto, sono cose inutili. Puliamo i bisogni e neutralizziamo gli odori con prodotti specifici. 

  

Quando il cucciolo potrà finalmente uscire di casa, dovremo portare fuori il cucciolo appena sveglio e dopo i pasti, dovremo fare attenzione a scegliere un posto poco frequentato da cani per permettere al cucciolo di non intimorirsi e svuotarsi senza problemi. 

Ricordiamoci di lodare sempre il cucciolo che fa i bisogni nel luogo giusto.

ERRORI DA EVITARE

Dobbiamo ricordare sempre di NON riportare a casa il cucciolo appena ha finito di fare pipì e popò, altrimenti rischieremo di prolungare la passeggiata poiché il cane capirà che appena la fa, finisce lo svago.

Altro errore da evitare è quello di portare il cucciolo in posti molto frequentati da altri cani perchè non sporcherà mai in un territorio appartenente a cani grandi, quindi possibili predatori. Il rischio è che svuoterà la vescica appena rientrato in casa, lontano dai "cani cattivi"!

TEMPO DI APPRENDIMENTO

Ogni cane ha i propri tempi di apprendimento, ma se il padrone si impegna tanto e nel modo giusto, il cucciolo impiegherà dai tre ai dieci giorni a capire dove fare i bisogni, sia in casa che fuori. 

Se il padrone si impegnerà a fondo e sarà sempre chiaro con il cucciolo, questo non ci metterà molto a capire dove sporcare e, successivamente, a capire che dovrà fare pipì e popò solamente fuori casa, durante le passeggiate.

 



Il maltrattamento e l'abbandono di animali sono reati punibili, per legge, grazie all'articolo 727 del codice penale e dalla legge 189 del 2004

Questa legge però deve essere migliorata, la Lav (Lega Anti Vivisezione) si sta battendo per una modifica alla legge che:

- introduca pene più severe per chi maltratta animali;

- introduca una nuova disciplina della confisca obbligatoria al fine di impedire che l'animale resti in custodia e a disposizione del suo aguzzino;

- la norma sia posta a protezione dell'animale in quanto soggetto di diritto e non solo a protezione del sentimento per gli animali, come è oggi;

- venga introdotto il reato di strage di animali per contrastare le uccisioni mi massa degli animali;

- riconosca e valorizzi di Centri di accoglienza degli animali sequestrati e confiscati

Insieme alla Lav tutti noi possiamo fare qualcosa, sabato 30 marzo e domenica 31 marzo, sabato e domenica 6 e 7 aprile possiamo presentarci in tante piazze italiane per firmare la petizione e scegliere l'uovo di Pasqua Lav (cioccolato extrafondente e biologico). 

Per maggiori informazioni visita il sito LAV

Cosa sono i tappetini igienici per cani? Sono la versione moderna dei vecchi fogli di giornale utilizzati per insegnare al cucciolo di cane a non fare i bisogni in giro per casa.

Di tappetini igienici, o traversine, ne esistono centinaia di tipi differenti, in realtà i tappetini sono tutti uguali, a variare sono misure, marche e costo.

     

La cosa importante da sapere e tenere presente è che i tappetini igienici devono essere utilizzati solamente nel periodo i cui si deve insegnare al cane, cucciolo o meno, dove fare i bisogni, per poi insegnare a farli fuori casa. Possono essere utili nel caso in cui uno debba assentarsi per tantissime ore e Fido debba restare in casa da solo, ma NON DEVONO essere utilizzati come sostituti delle passeggiate giornaliere.

Dobbiamo ricordare che prendere un cane è una nostra scelta, non sua, e dobbiamo rispettare l'animale ed i suoi bisogni, soprattutto quello di uscire in passeggiata più volte al giorno.

I tappetini sono quadrati o rettangolari, le misure variano da 56x56 cm a 60x90, sono di plastica/incerata nella parte che sta a contatto con il pavimento, mentre sono assorbenti nella parte superiore (esistono anche tappetini con adesivo per farli restare attaccati a terra).

Il tappetino viene utilizzato per insegnare al cane a sporcare in zone limitate della casa, verrà poi avvicinato alla porta, per far capire al cucciolo che i bisogni devono essere fatti fuori casa.

Per sapere come insegnare al cane a fare i bisogni fuori casa, clicca qui.

Il tappetino igienico deve essere smaltito nel cassonetto dell'indifferenziata, NON può essere lavato e riutilizzato.

 

E' italiano il Cane Lupo Cecoslovacco protagonista del film americano "Alpha - Un'amicizia forte come la vita".

Chuuck Running Wolf, questo il nome del protagonista canino del film, ha tre anni e proviene dall'allevamento Ricky's Wolf di Riccardo Lubrano ad Anagni (Frosinone). Unico maschio della cucciolata, fu acquistato dall'allevatore francese Eric Plante che, grazie all'addestramento, è riuscito a valorizzare le sue doti che gli hanno permesso di diventare una star di Hollywood.

Le riprese del film, regia di Albert Hughes, sono iniziate nel febbraio del 2016, tra Canada ed Islanda, e sono terminate un anno dopo, il film è prodotto dalla Columbia Pictures e Studio 8 e distribuito nelle sale italiane nel dicembre del 2018.

La storia, ambientata nel Paleolitico superiore, narra di un giovane cacciatore separato dal suo gruppo durante una battuta di caccia, il ragazzo riesce a tornare a casa nonostante il tempo avverso e dopo essersi salvato da un attacco di lupi. Proprio durante l'incontro con i lupi, il giovane ne ferisce uno di cui si prenderà cura fino alla sua completa guarigione. E' l'inizio di una lunga amicizia tra l'uomo e la futura razza canina.

Il trailer italiano:

Cosa si intende per benessere animale? Generalmente la qualità della vita di un animale come viene percepita da un singolo animale. Per benessere animale non si intende solamente il benessere fisico e la salute, ma anche il benessere psicologico, troppo spesso non preso in considerazione, e la capacità dell'animale di esprimere i suoi comportamenti naturali

Questo vuol dire che per maltrattamento non si intenderà solamente quello fisico, ma anche psicologico, per esempio: un cane che viene gestito come fosse un piccolo essere umano, viene maltrattato psicologicamente poichè non può esprimere i propri comportamenti naturali e costretto a comportarsi contro natura. 

Nel 1965 il Brambell Report elencò le Cinque Libertà necessarie a garantire il benessere animale, i cinque principii devono essere rispettati per tutti gli animali detenuti dall'uomo.

Il benessere animale viene descritto in maniera chiara e concisa dalle Cinque Libertà:

1 - Libertà dalla fame e dalla malnutrizione;

2 - Libertà di avere un ambiente fisico adeguato;

3 - Libertà dal dolore, dalle ferite e dalle malattie;

4 - Libertà di manifestare le caratteristiche comportamentali tipiche della specie;

5 - Libertà dalla paura e dal disagio.

 

La prima tappa del 2019 di Quattrozampe in fiera si svolgerà a Roma sabato 16 e domenica 17 marzo nella Nuova Fiera di Roma (via Portuense 1645).

Due giorni pieni di eventi in cui il confronto e la formazione la faranno da protagonisti, inoltre shopping e attività sportive ed educative alle quali potranno partecipare cani, gatti e proprietari. 

Alla fiera saranno presenti gli allevatori che informeranno i visitatori circa l'importanza del proprio lavoro ed aiuteranno a comprendere meglio le specifiche caratteriali delle singole razze, cercando di essere d'aiuto a coloro che vogliono acquistare o adottare un cane o un gatto. Prendere con sè un animale deve essere una scelta ponderata e ben pensata.

Veterinari, tolettatori ed educatori interverranno durante la manifestazione per dare spunti e suggerimenti per migliorare la vita del proprio pet e la quotidiana convivenza tra due specie diverse.

Durante la manifestazione sarà possibile partecipare al casting fotografico della rivista "Quattro zampe", la fotografia più votata verrà pubblicata in copertina sul numero di giugno. Per coloro che parteciperanno alle attività sportive, come la Rally Obedience, la Disc Dog o le tante altre a disposizione, riceveranno l'abbonamento digitale trimestrale alla rivista "Quattro zampe".

La fiera si rivolge anche ai bambini, sarà presente "Il mondo di Titò", un progetto editoriale alla base del quale c'è l'educazione ed il rispetto della natura, degli animali e delle diversità.

Per avere maggiori informazioni circa le attività svolte e gli orari consultare il sito www.quattrozampeinfiera.it

COSTI

Il costo del biglietto è di 11€, i bambini da 0-11 anni, cani e gatti hanno ingresso gratuito.

E' possibile acquistare il biglietto on line a 8.50€ scaricando il buono sconto dal sito www.quattrozampeinfiera.it

I prossimi eventi si svolgeranno a:

Napoli il 13 e 14 aprile

Torino 25 e 26 maggio

Milano 5 e 6 ottobre

Padova 9 e 10 novembre

La differenziazione tra lupo e cane è sempre stata datata intorno ai 16.000 anni fa, ma gli studiosi dell'Università di Harvard, coordinati da Pontus Skoglund, hanno scoperto, nel 2015, un antenato dei lupi e dei cani vissuto 35.000 anni fa, il "Lupo di Taimyr". I suoi resti sono stati ritrovati nel Nord della Siberia, la scoperta è stata pubblicata sulla rivista Current Biology, in cui si legge che l'antenato di lupi e cani condivide un elevato numero di geni con i moderni Siberian Husky e con i cani da slitta della Groenlandia. Questo esemplare che girovagava nella Siberia settentrionale, visse per poche migliaia di anni dopo che l'uomo di neanderthal scomparve dall'Europa, secondo Love Dalén, uno degli autori della ricerca che lavora presso il museo Svedese di Storia Naturale, si può pensare che i cani siano stati addomesticati molto tempo prima rispetto a quanto scritto fino ad ora (tra i 27.000 e di 40.000 anni fa).

 

Fonte:

Rivista Current Biology

 

Pagina 1 di 29

Latest Tweets

RT @WCDhaka: You asked and we responded. 2nd Phase tickets on Sale. Get ready. Date: Thursday, 11th July 2019 Time: 4:00pm Per Ticket: 1000…
Deliciko - Restaurant WordPress Theme released on #Themeforest #WordPress #wordpresstheme https://t.co/77NycEKCkB https://t.co/rqMZzumjRJ
Conference Event WordPress Theme -> 2 New Home Added #wordpress #event #conference #wordpresstheme #themeforest… https://t.co/RnzM5q7gY7
Follow Themewinter on Twitter

Post Gallery

Ecco le ultime due razze riconosciute dalla Federazione Cinologica Internazionale (FCI)

Aosta - Inaugurata la mostra "Animals" di McCurray

"Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà" di Luis Sepúlveda

Come insegnare al cucciolo a fare i bisogni fuori casa

Maltrattamento animali: in piazza con la LAV

Tappetini igienici per cani - A cosa servono e quando utilizzarli

E' italiano il protagonista canino del film "Alpha - Un'amicizia forte come la vita". IL TRAILER

Benessere animale: le 5 libertà fondamentali degli animali

Quattrozampe in fiera il 16 e 17 marzo a Roma

© 2018 IlTuoCane.it - Tutti i Diritti Riservati