Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.iltuocane.it/home/modules/mod_cookiesaccept/mod_cookiesaccept.php on line 24

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

In Cina l'ultimo provvedimento impone il limite di un solo cane per famiglia.

mastino tibetano cinaNel nuovo regolamento, promulgato nella città di Qingdao, nella provincia settentrionale dello Shandong, non c'è solo l'imposizione del numero massimo di cani che è possibile possedere, ma anche la pubblicazione di un manifesto con le 40 razze vietate, ossia quei cani giudicati "pericolosi" per la società. Il provvedimento obbliga i cittadini anche all'iscrizione all'anagrafe canina, a vaccinare gli animali e a dotarli di un chip che identifichi cane e padrone.

Tra le "razze pericolose" si annoverano i levrieri, i pittbull, i dobermann ed i mastini tibetani. Questa decisione ha fatto nascere polemiche tra i cittadini che pensano che questo provvedimento sia stato emanato per richiedere altri soldi alla popolazione, ammonterebbe, infatti, a circa 263€ la multa per i trasgressori.

Per i politici, questo provvedimento è stato reso necessario per problemi di igiene pubblica e per il crescente numero di incidenti provocati da cani aggressivi.

Nessuna deroga per i cani guida e quelli utilizzati nelle operazioni di soccorso. La legge non sarà retroattiva, quindi chi possiede più di un cane, potrà continuare a tenere quelli in eccesso senza incorrere in multe.

Queste regole sono già in vigore nella cittadina di Chengdu (dal 2011), mentre a Jiangmen (nella provincia di Guangdong) ai residenti è vietato possedere cani.

Che la Cina non fosse un paese dog-friendly lo avevamo capito, addirittura vietare il possesso di cani, o stilare un manifesto con le razze più pericolose e vietarne l'allevamento, mi sembra esagerato.

Anzichè imporre divieti, perchè non pensare a soluzioni alternative, come quelle di istituire un patentino obbligatorio per i padroni degli animali? Per i padroni di tutti i cani, non solo per chi possiede certe razze, poichè anche un volpino può mordere e far male. 

Più giusto l'obbligo di vaccinare i cani ed iscriverli all'anagrafe canina, così da poter evitare inutili pericoli igienici e sanitari, oltre a poter avere una stima dei cani presenti sul territorio.

 

 Fonte foto: Google

 

 

CERCA NEL SITO...

Da Sapere