Maggio 19, 2019

SOS Piante Tossiche: ecco quali non tenere vicino a loro

Le piante tossiche per i cani sono moltissime, è difficile riuscire a farne un elenco completo quindi di seguito riporto quelle che maggiormente potemmo trovare nelle nostre case, nei nostri giardini o nei parchi che frequentiamo.

Spesso quando portiamo a casa un cucciolo, sia esso cane o gatto, non pensiamo ai pericoli che potrebbero esserci nelle nostre case, dovremmo fare come con i bambini: metterci alla loro altezza e vedere cosa potrebbe attirare la loro attenzione, dopodichè eliminare il pericolo.

In particolare, per quanto riguarda le piante, la rete è piena di siti che parlano di quelle nocive per i nostri amici a quattro zampe quindi, prima di prendere una pianta informatevi se può essere o meno letale per Fido e Micio.

Prestate attenzione ai vostri cani e gatti, soprattutto se cuccioli, sono porprio loro ad amare sgranocchiare tutto ciò che trovano.

Di seguito l'elenco e, quando possibile, una raffigurazione della pianta:

Aglaonema (nella foto): sono le foglie ad essere velenose, diarrea, vomito, difficoltà respiratoria, disturbi della coordinazione, ipotensione, ritmo cardiaco aumentato o diminuito.

Aloe:  la barbaloina, presente nelle foglie provoca diarrea sanguinolenta e incremento dell’urinazione, dovuto dalla barbaloina presente nelle foglie.

Amarillidi: tutta la pianta è velenosa, i sintomi più importanti sono vomito, diarrea e coliche alterazioni del battito cardiaco e tremori

Atropa Belladonna: genera tachicardia, coma, paralisi del sistema nervoso parasimpatico

Anemone: Causa problemi gastrointestinali e potrebbe essere mortale nel caso di ingestione di grandi quantità

Anturio:  le foglie sono tossiche possono dare sintomi gastroenterici, emorragie uterine e gengivali, difficoltà respiratoria, disturbi nella deglutizione.

Avocado Le foglie, il frutto ed i semi sono tossiche per la presenza della sostanza chiamata persin.

Azalea: pianta pericolosa poichè i sintomi arrivano dopo qualche ora dall'ingestione e non esistono antidoti.

Begonia:  Tutta la pianta è tossica, causa vomito e diarrea

Bella di Notte: provoca nausea, vomito e dolori addominali; a volte, perfino stati confusionali e pupille dilatate.

Calancola o Kalanchoe (in foto)ad essere velenose sonofoglie e gambo

Bosso: pianta utilizzata per le siepi, può causare nausea, dolori addominali, vomito, scialorrea può dare anche problemi cardiaci e respiratori.

Ciclamino: di questa pianta sono letali le radici

 

 

Colchico (nella foto): qui è il bulbo ad essere estremamente tossico. Anche questa pianta può essere mortale.

Corona di spine: questa pianta causa infiammazioni gastro-intestinali, coliche, infiammazioni della cornea e della congiuntiva, alterazioni delle mucose.

Croton: la parte tossica sono le foglie e il fusto, se ingerite provocano febbre, eczemi, vomito, coliche e diarrea sanguinolenta.

Cycas Revoluta: causa gastroenterite emoraggica, danni epatici, indufficienza renale, coagulopatie e la morte.

Dafne(nella foto): provoca bruciore alla bocca, stato d’incoscienza con episodi convulsivi, diarrea sanguinolenta, coma e morte.

Edera: tutta la pianta è velenosa, la sostanza tossica può essere anche letale se ingerita in grande quantità. L'ingestione causa grave gastroenterite, nausea, vomito, diarrea e dolori addominali.

Filodendro (Monstera, Caladium, Calle, Malanga, Calla lily): causa gonfiore ed  irritazione di gola, bocca e lingua. Le altre piante della stessa famiglia possono causare dermatiti o edemi a labbra e lingua; inoltre, genera ipersalivazione, problemi nella deglutizione, vomito, diarrea e, a volte, emorragie da parte delle gengive.

Ficus: causa sintomi gastroenterici, come vomito e diarrea. 
Glicine: se ingeriti i semi o i baccelli, possono causare diarrea, vomito e dolori addominali

Lauroceraso: pianta utilizzata per le siepi, causa blocco della respirazione cellulare, anossia citossica, convulsioni, coma e morte.

Maggiociondolo: fiori, semi e radici risultano particolarmente velenosi. Se ingeriti, possono provocare problemi allo stomaco, vomito e riduzione dell’assorbimento gastro-enterico.

Mandragora: i semi, se ingeriti, causano ipertensione, febbre, perdita di coscienza e insufficienza renale

Mughetto: causa diarrea, aritmie, vomito, crampi e problemi respiratori.

Oleandro: velenoso in ogni sua parte e può causare l’arresto cardiaco anche nell'uomo

Ortensia: alcune varietà di questa pianta contenngono cianuro nei fiori

Ricino: i semi generano sintomi nell’arco di 18-24 ore, con gastroenterite, febbre, sete, dolori colici e danni renali di grave entità. In alcuni casi possono giungere convulsioni e morte.

Rododendro: velenosissimo poichè i sintomi arrivano dopo qualche ora dall'ingestione e non esistono antidoti.

Solano: le sue bacche causano gastroenteriti emorragiche, dolori addominali e problemi di carattere nervoso.

Spatifillo (nella foto): foglie e stelo causano problemi gastrointestinali, emorragie di varia natura, difficoltà respiratoria, disturbi nella deglutizione.

Stella di Natale:  ad essere tossica è la linfa, causa irritazione e, se ingerita, provocherà disturbi alla bocca, allo stomaco e tutto il tratto gastroenterico. Causa diarrea e vomito.

Tasso: una pianta le cui foglie, semi legno e corteccia provocano tachicardia, bradicardia, problemi respiratori, modifiche della minzione, pupille dilatate, tremori che anticipano la depressione, morte dovuta a paralisi cardiaca o respiratoria.

Tulipano: se ingeriti causano sintomi di natura gastroenterica, ma non gravi

Vischio: classificato come molto tossico, causa diminuzione del ritmo cardiaco e della temperatura, problemi respiratori, sete, convulsioni e coma. E' una pianta mortale 

 

Fonte foto: Web

Rate this item
(0 votes)

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Latest Tweets

Insurance Agency WP Theme updated with One Click Demo Installation. #WordPress #agency #insurance #theme… https://t.co/xw6bItqaS5
Construction WordPress Theme new release on ThemeForest #wordpresswebsite #builder #construction #Theme #business… https://t.co/Io448v2QA2
RT @hanahamrouni7: This young man defended humanity spontaneously, there was no other way for him though to make an end for extremism and r…
Follow Themewinter on Twitter

Post Gallery

"Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà" di Luis Sepúlveda

Come insegnare al cucciolo a fare i bisogni fuori casa

Maltrattamento animali: in piazza con la LAV

Tappetini igienici per cani - A cosa servono e quando utilizzarli

E' italiano il protagonista canino del film "Alpha - Un'amicizia forte come la vita". IL TRAILER

Benessere animale: le 5 libertà fondamentali degli animali

Quattrozampe in fiera il 16 e 17 marzo a Roma

Addestramento cucciolo cane - Quando e come iniziare

Il Lupo di Taimyr: l'antenato di lupi e cani

© 2018 IlTuoCane.it - Tutti i Diritti Riservati