Ottobre 16, 2019

Come si muove il cane: le andature

I cani hanno diversi tipi di andature, a seconda di come poggiano le zampe a terra cambiano modo di procedere. Il cane non poggia sempre tutte e quattro le zampe al suolo, il suo movimento sarà differente in base alle zampe che poggerà.

Ogni andatura ha un nome, nel cane le più utilizzate sono: passo, ambio, trotto e galoppo.

PASSO - l'andatura più lenta, le zampe si sollevano isolatamente dal suolo, il corpo dell'animale è sorretto dalle altre tre zampe.

AMBIO - le zampe si sollevano a due a due dallo stesso lato.

TROTTO - anche in questo caso le zampe si sollevano due a due, ma quelle diagonalmente opposte (zampa anteriore destra e posteriore sinistra e viceversa). E' un'andatura da corsa, viene utilizzata dai cani impegnati in corse di resistenza, ma può essere anche raccorciato (camminato) oppure allungato.

GALOPPO - è l'andatura più veloce in assoluto, ma anche la più faticosa. Il cane poggia una sola zampa per volta a terra, spesso può restare alcuni istanti senza toccare terra.

Le andature del cane si dividono in camminate e saltate, nella prima categoria rientrano le andature in cui almeno una zampa tocca terra come passo, ambio e trotto (raccorciato). Delle andature saltate, quelle in cui c'è una fase di sospensione da terra, fanno parte il trotto ed il galoppo.

La lunghezza del passo, invece, è la distanza fra le due orme dello stesso piede, mentre la velocità è inversamente proporzionale alla durata degli appoggi, quindi più il cane è veloce, meno tempo lascerà il piede a terra.

Il centro nervoso dell'orientamento e dell'equilibrio del cane è posto nell'orecchio interno, alcuni recettori trasmettono le informazioni riguardanti lo spazio alla corteccia celebrale che le analizza insieme a quelle fornite dalla propiocezione, è per questo che le otiti nel cane possono influire sulla deambulazione dell'animale. 

 

Per quanto riguarda l’ equilibro del cane in movimento è importante sapere che il centro nervoso dell’ orientamento è posto nell’ orecchio interno, dove alcuni recettori captano le informazioni relative alla posizione del cane nello spazio e le trasmettono alla corteccia cerebrale, che le analizza insieme a quelle fornite dalla propiocezione.

  

 

 

Ecco un VIDEO che mostra chiaramente quanto detto sopra:

 

 

Fonte: Canton, Mario (2011). Cani e Razze Canine. Antonio Crepaldi Editore; Bonetti, Franco (2012). Zoognostica del cane. Giraldi Editore

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Martedì, 25 Settembre 2018 13:05

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Latest Tweets

Do you remember when you joined Twitter? I do! #MyTwitterAnniversary https://t.co/ABeDbww12S
Education Conference and Food Festival variation added. #event #wordpresswebsite #theme https://t.co/DJIoXX6kpL https://t.co/FnFdbeTgtE
RT @jkawshar: Isn’t it beautiful? #WordCamp #WCDhaka https://t.co/Ch6PkhuDmJ
Follow Themewinter on Twitter

Post Gallery

Luoghi pet-friendly: L'orto botanico Angelo Rambelli di Viterbo

Depigmentazione del naso del cane: di cosa si tratta

DOG SITTER FOR WEDDING

WUSV 2019... CHE CONFUSIONE!

I "perchè?" di ogni padrone, ecco le risposte

Antiparassitari, museruole, trasportini: come scegliere

Come è fatto il cane: andature, curiosità e morfologia

Leggi riguardanti cani e gatti

Canili e gattili: l'elenco per regione

© 2018 IlTuoCane.it - Tutti i Diritti Riservati