Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.iltuocane.it/home/modules/mod_cookiesaccept/mod_cookiesaccept.php on line 24

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito si avvale di servizi pubblicitari di terze parti come Google, cliccando sul seguente link è possibile vedere come Google utilizza i dati. 

Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

Il mantello del cane  è composto dai peli di copertura e quelli di borra (sottopelo), i primi sono esterni, lunghi, rigidi e grossolani, il sottopelo è, invece, molto più lanoso e corto, forma un sottopelo protettivo, ma non tutti i cani lo possiedono. Molte razze, come il dobermann, non ce l'hanno, mentre nei cani nordici è molto importante per proteggerli dalle basse temperature. Poiché non tutti i cani possiedono il sottopelo, non tutte le razze sono soggette a mute, poiché è il sottopelo il responsabile della muta estiva ed invernale.

pelo del cane: tipologieIl pelo dei cani non si distingue solo per colorazione (monocolore o pluricolore), ma anche per tipologia, le distinzioni sono quasi infinite, vie di mezzo tra un tipo di pelo ed un altro sono per noi inutili, ma necessarie per i giudici e gli studiosi.

Di seguito una classificazione delle tipologie di pelo che non tiene conto delle "vie di mezzo", un valido aiuto ci è stato fornito dall' "Enciclopedia del cane" della Royal Canin:

Duro o ruvido – ruvido al tatto, si mostra arruffato, un esempio di cane a pelo ruvido è lo Spinone;

Eterogeneo – composto per due terzi da eli abbastanza duri e per un terzo da peli morbidi, come nel Dandie Dinmont Terrier;

Lanoso – pelo poco brillante e molto fitto come il pelo dei Barboni;

Liscio - pelo cortissimo e brillante, un esempio sono gli Alani;

Riccio (curly) – pelo riccio come quello del Bolognese o del Curly Coated Retriever (foto); 

Setoso – peli molto sottili, morbidi e dolci, come quelli del Setter;

Anche la lunghezza del pelo varia da cane a cane, vediamo come si distinguono:

Cani nudi – cani privi di pelo, la loro pelle è morbida e sottile pigmentata sempre di nero. Una leggera peluria può essere presente sul corpo, ma solo in alcune razze. Quasi tutte le razze di cani nudi presentano peli sulla coda e sulla testa, due esempi: il Chinese Crested Dog (foto a destra)  e lo Xoloitzcuintle o cane nudo del Messico;chinese crested dog

pelo raso o liscio – la lunghezza del pelo va da 5 a 15 mm, pelo molto sottile e corto, leggermente spesso nei cani da ferma. Ne sono un esempio il Dobermann ed il Whippet;

pelo corto – peli lunghi da 15 mm a 4 cm massimo, i peli sono lisci, dritti e duri, come nel Pastore tedesco;

a pelo semi lungo – lunghezza del pelo che va da 4 a 7 cm, i peli possono essere di vario genere, dal setoso all’ondulato, sono sottili, in alcune razze sono più lunghi all’altezza del garrese (es. Yorkshire);

a pelo lungo – lunghezza del pelo oltre i 7 cm, anche in questo caso il tipo di pelo può variare dal liscio al cordato come nel Komondor (foto).

Qualunque sia il pelo del nostro cane, avrà bisogno di cure, pulizia e spazzolatura sono molto importanti per ripulirlo dalla polvere, dai peli morti e da eventuali parassiti, inoltre con la spazzolatura potremo controllare lo stato di salute della cute dell’animale.

La spazzolatura inizia dalla testa per continuare lungo il corpo, zampe e coda seguendo il senso del pelo, nel caso di pelo lungo potremmo incontrare dei nodi, è bene scioglierli delicatamente, in casi estremi si può tagliare il pelo per eliminare il nodo. Esistono in commercio moltissimi tipi di pettini e spazzole adatti ad ogni tipo di pelo:

Il cardatore - utile per eliminare i nodi ed il pelo morto, spesso utilizzato dopo la spazzola di setole;

La spazzola di setole - serve per rimuovere i peli morti, lo sporco e donare lucentezza al manto;

La spazzola a filo - per manti ricci o pelo semi lungo;

Il pettine - serve a districare i nodi ed elimina il pelo morto, utile per i cani con pelo semi lungo. Le punte dei denti devono essere arrotondate per non graffiare la cute, il pettine è molto utilizzato per l’eliminazione delle pulci.

    

I cani con pelo lungo richiedono cure quotidiane, mentre per gli altri può bastare una spazzolata settimanale.

Per quanto riguarda la pulizia (bagno) è bene ricordare che lavare troppo frequentemente il cane può creare danni alla cute ed il pelo potrebbe perdere le sue qualità isolanti e protettive. Per un cane tenuto in appartamento, è sufficiente fare il bagno due-tre volte l’anno. Per pulizie veloci, magari di ritorno dal parco, si possono utilizzare le salviette umidificate, lo shampoo a secco specifico oppure un panno imbevuto di acqua e aceto bianco o di mele (1lt di acqua e mezzo bicchiere di aceto).

CERCA NEL SITO...

Da Sapere