Marzo 19, 2019

I carabinieri recuperano un cane abbandonato sul ciglio di una strada, il viaggio in auto verso il rifugio che lo accoglierà diventa virale grazie al video fatto da uno dei due carabinieri. A postare il video su Facebook, poi ripreso da varie testate giornalistiche, è stato Enrico Rizzi, presidente del Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali.

Il siparietto divertente messo in atto dai due carabinieri è stato condiviso da migliaia di persone, uno dei due "parla" con il cane: "Tranquillo, tra una settimana sei fuori, stasera parli con l'avvocato... Non fare quella faccia, prima spacci crocchette e poi ti lamenti?" Le espressioni del cane sembrano voler dar spago alla gag dei due carabinieri che lo hanno tratto in salvo.

Ecco il video messo su Youtube da La Repubblica

Il naso del cane come funziona? In un precedente articolo abbiamo parlato dell'olfatto del cane, del suo sviluppo e delle differenze tra megaolfatto e teleolfatto, abbiamo spiegato come il cane riesce a discriminare gli odori e di come questi arrivino al suo cervello permettendogli di "vedere" cose che noi umani neanche immaginiamo.

Grazie a questo video, in lingua inglese, ma sottotitolato, possiamo capire ancora meglio ciò che i cani "vedono" con il loro naso e come dobbiamo comportarci quando il nostro amico a quattro zampe sembra impuntarsi in un punto preciso ad odorare.

Buona visione!

 

C'è una cosa che mi riempie il cuore di tenerezza e che mi commuove profondamente:
quelle rarissime volte che esco di casa senza portare Bowie con me lui protesta vivacemente e si dispera pigolando a più non posso! Anche se non resta da solo, anche se con lui c'è l'eletto capobranco è me che cerca, è me che ha scelto, lui vuole stare con me...

Piccolo amore mio, io non ti tradirò mai, ti starò vicina sempre, nel bene e nel male non sarai mai solo!

Te lo prometto, ora e per sempre

 

La foto ci è stata donata da Sonia

Per leggere le altre puntate della serie "Vivere con un cucciolo di dobermann", clicca qui

 

Si fa presto a dire trasportino! Quando dobbiamo acquistare il trasportino, o kennel, per il nostro cane ci troviamo di fronte ad un'offerta quasi illimitata di articoli. Con questo articolo non voglio parlare di quale sia il trasportino migliore di tutti, ma cercare di fare chiarezza tra i tantissimi modelli che possiamo incontrare e l'uso che si può fare con ognuno, così da far scegliere a voi il trasportino migliore per le proprie esigenze.

Partiamo dalla distinzione tra trasportino rigido e trasportino morbido: il primo include tutti i tipi di trasportino fabbricati in plastica dura o metallo, per trasportino morbido si intende quello in stoffa, pieghevole (come la tenda da campeggio) o meno.

TRASPORTINO RIGIDO:

Il trasportino rigido può essere di plastica dura, con cancello sul lato corto o sul lato lungo. Questo tipo di trasportino è ottimo come cuccia in casa, o come strumento per il trasporto in automobile o nave e aereo (secondo i regolamenti delle varie compagnie deve rispondere a determinate caratteristiche). E' un modello che si può trovare per tutte le taglie, dal cane piccolo come il chihuahua, al pastore tedesco. Questo trasportino è a prova di morsi, le finestre lasciano passare l'aria, non avendo la grata su tutti e quattro i lati si garantisce la tranquillità del cane, che non è obbligato a tenere sotto controllo la situazione. Questo trasportino possiede una maniglia per il trasporto, in caso di cani di grossa taglia, si può attrezzare con delle rotelle, vendibili separatamente. E' possibile inserire delle vaschette per acqua e cibo.

Il costo di questo tipo si trasportino varia a seconda della grandezza e va dai 15€ ai 90 euro.

  

Altro tipo di trasportino rigido è quello realizzato interamente in metallo zincato o acciaio, è una vera e propria gabbia dalla quale il cane può osservare ciò che accade intorno. La maggior parte dei trasportini di questo tipo sono pieghevoli, la gabbia si costruisce senza fatica e possono essere trasportati ovunque quando vuoti. Anche questo tipo può essere utilizzato come cuccia casalinga, non si può muovere con il cane all'interno poiché non ha ruote, solamente delle maniglie nella parte superiore. Sono presenti una o due porte sia sul lato lungo che corto ed è possibile inserire una vaschetta per 'acqua o il cibo, il piano inferiore è estraibile per una più semplice pulizia, possono essere inseriti cuscini o tappetini per riparare dal freddo e per rendere più comodo il giaciglio. Questo modello è maggiormente utilizzato per cani di taglia medio-grande. Questo trasportino può essere diviso in due, creando lo spazio separato per due cani, attraverso una rete metallica.

Il costo varia dai 25€ ai 60 € a seconda della grandezza e del modello.

 

TRASPORTINO MORBIDO:

Il trasportino morbido può essere non pieghevole, oppure pieghevole.

Il trasportino del primo tipo è semirigido, realizzato in stoffa con fondo staccabile per la pulizia e griglie di aerazione. Solitamente viene utilizzato per cani di piccola taglia, facilmente trasportabili a mano (grazie alla maniglia presente nella parte superiore) o in spalla. Non è l'ideale per i cani che tendono a mordere la stoffa, il costo va dai 18€ ai 28€.

Il trasportino pieghevole è realizzato con dei montanti in metallo, che lo rendono stabile e robusto, ed una copertura in  nylon. Solitamente presenta due porte in rete, una sul lato corto e l'altra sul lato lungo, che si aprono grazie ad una cerniera. Alcuni tipi possiedono anche una tendina che può essere fissata in alto con del velcro, oppure rendere il trasportino buio, come se fossero delle piccole serrande. E' sfoderabile per poter permettere una pulizia totale.

E' utile per chi viaggia spesso e porta con sé il proprio cane, dal momento che questo tipo di trasportino può essere ripiegato e trasportato ovunque. Non è l'ideale per i cani che tendono a mordere la stoffa, poiché potrebbero rompere la rete o il nylon creando buchi. 

Anche questo trasportino è disponibile in varie misure, sia per cani di taglia grande che piccola.

Il suo costo varia, a seconda della grandezza, dai 19€ ai 70€.

  

  

 

Spero di aver fatto chiarezza sulle tipologie di trasportino esistenti e essere stata utile per quanto riguarda il loro utilizzo. A voi la scelta!

 

 

 

Il trasportino o kennel cosa è? Molte persone e padroni di cani pensano sia una gabbia dentro la quale rinchiudere il cane quando non si sa come gestirlo, altri considerano il trasportino un eccellente strumento di educazione, tanti cani lo vedono come una tana accogliente dentro la quale rifugiarsi per stare tranquilli, ma alla fine, il trasportino cosa è? Oggi, insieme all'aiuto di Moreno Sartori, presidente della M&M Dog's Trainers A.S.D. ed educatore cinofilo, impareremo come utilizzare il trasportino ed i motivi per i quali esso diventa un utile strumento nella gestione del nostro cane. 

Al termine dell'articolo troverete un VIDEO dove vengono riproposte le informazioni che leggerete a breve, insieme alla spiegazione di come far avvicinare il cane al trasportino per la prima volta (dal minuto 4.00). Esercizi utili per molti cani, ma non per tutti, è bene farsi aiutare sempre da un professionista per evitare degli errori che potrebbero compromettere il lavoro sul cane. 

UTILIZZO DEL TRASPORTINO

Il trasportino, detto anche kennel, è' uno strumento valido per la gestione del nostro cane, soprattutto per delle situazioni in cui possiamo aiutare l'animale rendendolo meno suscettibile all'abbandono, il cane imparerà a gestire con serenità i momenti in cui non c'è nulla da fare, mostrandosi tranquillo sfruttando le potenzialità del trasportino. Si può utilizzare come cuccia all'interno della casa, come ausilio per il  trasporto in automobile, nave o aereo, il trasportino può essere utilizzato, e questo è uno degli usi fondamentali, come punto di riferimento per il cane, si pensi ad un cambio di casa, oppure quando si va in vacanza con il proprio cane: posto nuovo, il cane non lo conosce, portandosi dietro il proprio trasportino si sta portando con sè una parte del contesto abituale che può rendere più sereno il cane aiutandolo ad affrontare meglio le difficoltà legate al nuovo ambiente.

In Italia è ancora molto diffusa l'idea che il trasportino sia una sorta di reclusione forzata, una situazione antipatica nella quale non sappiamo cosa accada quando inseriamo il cane. In realtà è uno strumento utile, si pensi che in Inghilterra ed in america viene dato insieme al cucciolo, così facendo impara da subito ad utilizzarlo creando una serie di benefici utili ed interessanti.

COME AVVICINARE IL CANE AL TRASPORTINO

Prima di tutto occorre sapere che ci sono moltissimi modelli di trasportino, da quelli rigidi a quelli di stoffa che si chiudono come una tenda da campeggio, trasportino con tre lati chiusi e cancello sul lato corto, altri sono vere e proprie gabbie di metallo dalle quali il cane può osservare tutto. Per i vari tipi di trasportino rimandiamo a questo articolo Trasportino per cani: quale scegliere?

Il trasportino che si utilizza maggiormente è quello rigido con apertura sul lato corto, molto più facilmente gestibile.

Prima di tutto occorre far avvicinare il cane al trasportino per farglielo conoscere, evitando qualsiasi diffidenza nei suoi confronti, per fare ciò possiamo aprire il trasportino togliendo la parte superiore (questo può essere effettuato solo con alcuni tipi di trasportino). E' consigliabile inserire un tappetino nel trasportino così il cane non avrà paura nel caso in cui nell'entrare dovesse sentire il rumore delle zampe sulla plastica.

Facciamo avvicinare il cane al trasportino aiutandoci con del cibo, lo facciamo entrare e lo premiamo cercando anche di farlo girare su sé stesso dal momento che dovrà capire che si entra ed esce dallo stesso lato. Una volta creata questa abitudine si inizierà a premiare il cane quando sarà tranquillo all'interno (sempre senza parte superiore del trasportino), quando si siede e si mette a terra, una volta raggiunto anche questo obiettivo, inizieremo a premiare il cane solo quando inizierà a rilassarsi, questo ci fornirà un aiuto dal momento che il cane legherà uno stato emotivo di calma al trasportino.

Successivamente il lavoro andrà avanti mettendo la parte superiore del trasportino al proprio posto, il lavoro che ne seguirà potremo scoprirlo nel prossimo video di Moreno Sartori.

Ecco il VIDEO riassuntivo e contenente il lavoro di approccio al trasportino:

È già passato un mese, Bowie è cresciuto tanto, è molto cambiato fisicamente.

Ma la cosa che è completamente diversa rispetto a 30 giorni fa è la sua espressione... Nella foto a sinistra ha lo sguardo smarrito di un cucciolo che non sa cosa sta per succedergli. Era stato appena stato separato dalla madre e dai suoi fratelli ed era circondato da estranei. Nel tragitto che lo portava nella sua nuova casa, pur mantenendo la calma ed un atteggiamento dignitoso si guardava intorno incerto, era tutto così nuovo per lui...

Oggi ha uno sguardo fiero, sicuro, ha la certezza di essere parte di un nucleo familiare, di un branco su cui poter fare affidamento. È amato, curato, vive in una dimensione fatta di regole e di rispetto. La sua natura di cucciolo si esprime al meglio nei giochi, la sua indole di cane da difesa inizia a manifestarsi in determinate situazioni.

Siamo orgogliosi di lui. Della sua bellezza, della sua dolcezza. E del percorso fatto finora.

C'è tanto lavoro dietro, tanta dedizione. È così che mi piace immaginare tutti i cuccioli del mondo, con quello sguardo fiducioso di chi sa di essere amato e non ha nulla da temere.

 

 

La foto ci è stata donata da Sonia

Per leggere le altre puntate della serie "Vivere con un cucciolo di dobermann", clicca qui 



Il corso di educazione prosegue alla grande!
Grazie alle enormi risorse dei miei due cuccioli, ed alla grande professionalità della persona a cui ci siamo affidati, siamo passati già da un po' alle esercitazioni all'esterno.

È davvero incredibile quello che si può ottenere in pochissimo tempo lavorando con pazienza e costanza! Bowie è passato dall'agitazione incontenibile in presenza di altri cani alla concentrazione assoluta sul conduttore, anche in presenza di distrazioni ambientali come rumori e passaggio di persone a piedi ed in bicicletta. Sono davvero entusiasta!

Junior è orgoglioso del suo cucciolo e di se stesso.
Ma questo è solo l'inizio.

 

La foto ci è stata donata da Sonia

Per leggere le altre puntate della serie "Vivere con un cucciolo di dobermann"clicca qui 

Corrieri Ups e cani, connubio perfetto! Uno dei luoghi comuni vede cani e corrieri (o postini) odiarsi fin dalla nascita della corrispondenza, i corrieri Ups statunitensi hanno deciso di contraddire le dicerie, come? Con una pagina Facebook Ups Dogs ed il profilo Instagram Upsdogs sui quali vengono pubblicate le fotografie ed i video dei loro incontri con i quattro zampe americani. 

Durante le giornate di lavoro i corrieri incontrano moltissimi cani, con molti di questi hanno instaurato dei rapporti di amicizia, grazie anche ai biscotti offerti loro! Il tutto viene immortalato dagli stessi corrieri e pubblicato sulla pagina Facebook, nata nel 2013 e cresciuta in popolarità con gli anni. 

L'iniziativa non è nata dall'azienda, ma Ups è felice di questa pubblicità gratuita. I corrieri Ups sono diventati i migliori amici dei cani americani che li attendono con ansia ogni giorno.

Ecco alcune fotografie prese dalla pagina Facebook Ups dogs

 

  

 

 

Perché i cani ululano? Questa domanda ha ispirato moltissime risposte a partire da leggende e miti, la risposta fino ad oggi più attendibile, data da ricercatori ed etologi, parte dal legame che i cani hanno con i lupi.

Il lupo ha due tipi di ululato, quello per il richiamo sociale e quello territoriale. Lo scopo del primo è quello di far sapere ai membri del branco dove ci si trova, l'altro serve per segnalare la presenza di un branco in un determinato territorio.

A parte i cani di razze primitive (come l'Alaskan Malamute o il Siberian Husky), molto vicine al lupo, i cani ululano molto poco, il significato che viene dato all'ululato è principalmente quello sociale, l'ululato territoriale nei cani ha perso di significato.

I cani utilizzano l'ululato come richiamo sociale, come momento di aggregazione con gli appartenenti del branco e con l'uomo, che fa parte del suo branco.

L'ululato è una ricerca di contatto a distanza con i membri del branco, è per questo che molto spesso capita di sentire ululare i cani lasciati soli, con l'ululato vogliono cercare un contatto con i propri simili o con i membri del proprio branco che in quel momento non sono presenti (spesso ululano cani con ansia da separazione).

Un'altra domanda che spesso ci si pone è: perché i cani ululano alle sirene? Il motivo è semplice, molti suoni hanno delle frequenze particolari, spesso l'orecchio umano non le percepisce, ma i cani si, e rispondono a quei suoni poiché gli ricordano l'ululato dei propri simili. Per cui i cani ululano alle sirene, alle campane, quando cantiamo o a suoni particolari, per rispondere ad un richiamo sociale, per dare un contributo a quel momento di aggregazione, alcuni cani lo fanno perché desiderosi di contatti sociali, spesso accade con i cani che vengono lasciati soli in casa o in giardino.

 

 

 

 

 

 

L'isola dei cani del regista Wes Anderson ha aperto il Festival del cinema di Berlino 2018, un cartone d'animazione non adatto ai bambini, al punto che negli Stati Uniti è stato vietato ai minori di 13 anni per la presenza di immagini forti.

In questo cartoon Anderson celebra il coraggio di chi non accetta il mondo ricco di odio e intollerante in cui stiamo vivendo, di chi anzichè sottostare alla politica di un folle dittatore decide di agire e reagire.

L'Isola dei cani narra la storia di un futuro in cui per scampare da un virus canino che avrebbe potuto danneggiare l'uomo, il dittatore di turno decide di esiliare tutti i cani su un'isola di spazzatura, il piccolo protagonista, Atari, decide di atterrare sull'isola per ritrovare il suo cane Spots, il cane zero deportato per primo.

Il cartoon narra la storia d'amore di un ragazzino di dodici anni e del suo cane, è un film difficile, pensato per gli adulti, definito dalla critica uno dei film più politici di Anderson, con un umorismo complesso, i lunghi silenzi alternati ai dialoghi lunghi, un viaggio di formazione che rende omaggio alla lealtà dei cani e alla forza e al coraggio di creature piccole ed indifese. 

Un viaggio che rifiuta ogni tipo di intolleranza.

L'Isola dei cani, distribuito da Fox, arriverà in Italia il 17 maggio.

Ecco il trailer in italiano:

 

Fonte foto: cinematografo.it

Latest Tweets

RT @hanahamrouni7: This young man defended humanity spontaneously, there was no other way for him though to make an end for extremism and r…
RT @LatuffCartoons: Let's call things by their proper name. What we had in #Christchurch New Zeland is an act of WHITE SUPREMACY TERRORISM!…
RT @TamimOfficial28: Entire team got saved from active shooters!!! Frightening experience and please keep us in your prayers #christchurchM…
Follow Themewinter on Twitter
© 2018 IlTuoCane.it - Tutti i Diritti Riservati